Chi siamo

Il luogo

Calendario

Il nostro giornale

Servizi alla Comunità

Archivio storico

Attività ed eventi

Vangelo domenicale

La Congregazione femminile

Gli Amici

Avvisi

Gli stemmi

Archivio generale

Collegamenti

Sito di Don Lavagna

 

 



 

 Vangeli della Domenica

 

17 ottobre 2021

XXIX Domenica del tempo ordinario
(Anno B)

Dal vangelo secondo Marco (10,35-45)

                
In quel tempo si avvicinarono a Gesù Giacomo e Giovanni, i figli di Zebedèo, dicendogli: “Maestro, noi vogliamo che tu ci faccia quello che ti chiederemo”. Egli disse loro: “Cosa volete che io faccia per voi?”. Gli risposero: “Concedici di sedere nella tua gloria uno alla tua destra e uno alla tua sinistra”. Gesù disse loro: “Voi non sapete ciò che domandate. Potete bere il calice che io bevo, o ricevere il battesimo con cui io sono battezzato?”. Gli risposero: “Lo possiamo”. E Gesù disse: “Il calice che io bevo anche voi lo berrete, e il battesimo che io ricevo anche voi lo riceverete. Ma sedere alla mia destra o alla mia sinistra non sta a me concederlo; è per coloro per i quali è stato preparato”. All’udire questo, gli altri dieci si sdegnarono con Giacomo e Giovanni. Allora Gesù, chiamatili a sé, disse loro: “Voi sapete che coloro che sono ritenuti capi delle nazioni le dominano, e i loro grandi esercitano su di esse il potere. Fra voi però non è così; ma chi vuol essere grande tra voi si farà vostro servitore, e chi vuol essere il primo tra voi sarà il servo di tutti. Il Figlio dell’uomo infatti non è venuto per essere servito, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti”.

RIFLESSIONE
Per tre volte Gesù ha preannunciato la sua passione. Egli si avvia verso Gerusalemme, verso la morte in croce. Stupisce pertanto la pretesa dei due apostoli Giacomo e Giovanni, i quali si rivolgono a lui chiedendogli di avere posti di onore, alla desta ed alla sinistra nella sua gloria. La loro richiesta suona come un quasi un comando “noi vogliamo”. Essi non hanno compreso la missione di Gesù, il suo destino.
Gesù precisa che non sanno ciò che chiedono; ponendo loro l’interrogativo: “ Potete bere il calice che io bevo, o ricevere il battesimo con cui io sono battezzato? ” vuole far comprendere la natura della sua missione, l’aspetto doloroso del suo destino terrestre. Adopera due immagini, le quali esprimono la sua morte dolorosa, violenta in croce, la sua solidarietà con gli uomini peccatori. Con coraggiosa audacia i due apostoli affermano di volere condividere la sorte del loro Maestro: “lo possiamo”.
Gesù prende come sincera la loro risposta e preannuncia il loro futuro martirio. Giacomo sarà messo a morte da Erode Agrippa ( cf At 12,2). Del martirio di Giovanni non si hanno notizie. Tuttavia anche egli ebbe la sua parte del calice: la sua vita di apostolo con le sue fatiche, le sue sofferenze, fra cui la prova delle persecuzioni e l’esilio a Patmos ha realizzato la profezia di Gesù.
Ma Gesù sottolinea che l’assegnazione dei primi posti spetta al Padre, secondo la sua libera volontà. Nessuno può avere pretese nei confronti di Dio.
Gli altri apostoli si sdegnano davanti alla richiesta di Giacomo e Giovanni. Anche essi forse vantano pretese, ambizioni. Questo loro atteggiamento costituisce per Gesù l’occasione per dare loro una lezione. Al riguardo fa due paragoni: l’uno negativo e l’altro positivo. Egli parte da fatti ben conosciuti dai suoi discepoli. I principi delle nazioni esercitano la loro autorità da dominatori superbi. La loro autorità è tirannia. L’ideale cristiano è esattamente il contrario. La vera grandezza sta non nel dominare con alterigia, ma nel servire. Qualsiasi preminenza è data per il servizio. Lo spirito che deve animare i discepoli di Gesù, anche se sono costituiti in una posizione di autorità, è uno spirito di umiltà e di vero servizio. A conferma di tale insegnamento Gesù porta il suo esempio. Egli non è venuto per essere servito, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti. Gesù rimanda alla sua morte in croce. Lì si dà la sua gloria, divenendo servo umiliato, percosso, donando la sua vita per la salvezza degli uomini. Egli darà la sua vita non semplicemente come segno di amore; cosa che anche gli uomini possono fare. La sua morte in croce avrà un valore unico di espiazione e di redenzione: dando la sua vita, facendosi solidale con l’uomo, lo libera dalla schiavitù del peccato.
 

Donaci, Signore, il tuo amore: in te speriamo
Retta è la parola del Signore
e fedele ogni sua opera.
Egli ama la giustizia e il diritto;
dell’amore del Signore è piena la terra.
(Salmo 32)

[ Testi tratti dall'Archivio generale in dotazione]